Vita e opinioni filosofiche di un gatto (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Vita e opinioni filosofiche di un gatto (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Vita e opinioni filosofiche di un gatto (Italian Edition) book. Happy reading Vita e opinioni filosofiche di un gatto (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Vita e opinioni filosofiche di un gatto (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Vita e opinioni filosofiche di un gatto (Italian Edition) Pocket Guide.

Articles

  1. Annali d'Italianistica
  2. ABBONATI 1 EURO AL MESE!
  3. Search form
  4. Sorry we still under construction...

The Representation and Transformation of Literary Landscapes. It follows the publication of Step Across This Line La concezione poetica di Fujiwara no Teika. Scritti Teatrali. Il volume raccoglie gli scritti di Paola Cagnoni pubblicati tra il e il Senza seguire un ordine cronologico allinea, in un processo ideale, saggi che ricostruiscono il suo percorso di ricerca e dimostrano la ricchezza delle sue visioni e l'acutezza della comprensione del Giappone e delle sue arti. La sua passione per il Il poeta e il nulla. Aristotele, Rosmini e la struttura del Questo libro di Giulio Goggi si rivolge ai tratti fondamentali e centrali del pensiero filosofico.

E lo fa con una forza che merita di essere in particolar modo segnalata. Itinerari nel sacro. L'esperienza religiosa giapponese. Camminando lungo il crinale. Riflessioni su rischio, fuga e paura. Da questa sensazione d'insicurezza prende forma il presente volume, che vuol essere un cammino tra i problemi politici che la domanda di Lev M. Atti della Giornata di Linguistica Latina Venezia, 7 maggio Il testamento biologico. Le cronache di questi anni riportano sempre pi spesso eventi che scuotono l'opinione pubblica, come quelli di persone che rischiano, quando addirittura non perdono, la vita, rifiutando interventi chirurgici o cure salvifiche.

Un approccio umanistico affettivo all'insegnamento dell'italiano a non nativi. Questa raccolta di saggi di Fabio Caon trova il suo filo conduttore, indicato con chiarezza nel titolo l'insegnamento dell'italiano a parlanti di altre lingue secondo i principi umanistico-affettivi , nell'accostamento sistematico di riflessione epistemologica, elaborazione di modelli teorici e indicazioni operative per la loro Contributions to the thirtieth 'Incontro di Grammatica Generativa'.

This volume collects some of the papers presented at the thirtieth Incontro di Grammatica Generativa meeting which took place in Venice and Treviso on February 26th - 28th and was organized by the Dipartimento di Scienze del Linguaggio of the Universit Ca' Foscari Venezia.

It bears witness that the Venice Incontro was, as Professional English: Food. Con questo volume si pubblicano gli atti della terza edizione del Convegno di Studio "Artisti in viaggio" , riguardante l'epoca ottobre Gli esiti hanno dimostrato la giustezza della formula: il Friuli una terra di scorrimento e di passaggio per eccellenza, in tutti i tempi, e come tale ha vissuto il suo Dal disegno alla scienza della rappresentazione.

Geometrie romane a Venezia. L'obiettivo dello studio stato quello di analizzare l'opera utilizzando una La Natura di san Francesco. Nella cattedrale verde dell'Isola di san Francesco del Deserto, con i cipressi che sostengono celesti navate, da quasi un decennio ogni inizio di ottobre viene ricordato l'Assisiate, rileggendo il Cantico delle creature. Sole, terra, acqua, vento, nuvole, fuoco sono stati interpretati dentro il nostro tempo e alla luce delle nuove Lo stimolo l'input, come oggi si dice stato fornito dall'acquisizione di numerosi manoscritti rinvenuti recentemente in diversi Paesi dell'Asia; la constatazione ha aperto a chi scrive gli occhi, un po' sbalorditi, su una situazione paradossale: in un'area di studi vastissima, che offre scritture e sistemi di scrittura assai Digital Palladio.

I materiali presenti in questo volume ed esposti alla mostra "Memoire de Patrimoine. Gente di Wonmidong. Yang Kwija , Chonju in Corea debutta sulla scena letteraria coreana con un racconto intitolato La mattina di un nuovo inizio , che le frutta immediatamente il premio per esordienti della prestigiosa rivista Munhak sasang Pensiero letterario. Fiori d'un istante. Cresciuto durante gli anni pi bui dell'occupazione coloniale giapponese, dopo una lunga Cinema in India.

Lo strano caso di Shashi Kapur. La meta del viaggio Shashi Kapur alias Kapoor , personaggio che compendia e incarna l'intera storia dello La scrittura del Giappone antico. La scrittura fu introdotta in Giappone dal continente utilizzando la lingua e la scrittura cinesi. Furono escogitate strategie molto particolari e talvolta astruse per poter scrivere la lingua giapponese, profondamente diversa da quella cinese.

Sicuramente i caratteri cinesi erano lo strumento meno adatto per scrivere una lingua La questione dei Sudeti Problema centrale nella vita politica della Ceco-Slovachia di Masaryk e di Benes, la questione dei Sudeti assume Filosofia e contemporaneit di Georg Simmel. Tentando di superare le periodizzazioni e la sterile divisione tra un Simmel sociologo e un Simmel filosofo della cultura, si cercato di mostrare come la multiforme produzione simmeliana indichi il suo essere a pieno titolo nur Philosoph, come Il rischio e l'anima dell'Occidente. Una volta riconosciuta nel rischio una vera e propria categoria filosofica, possibile chiedersi se esso costituisca l'anima autentica dell'Occidente?

Le strutture corporee della vita. A distanza di una decina d'anni dai precedenti Quaderni veneziani apparsi in una diversa cornice editoriale e in una diversa veste grafica ricompare un primo Quaderno che raccoglie la trascrizione dei lavori e dei dibattiti svolti in una Giornata di studio tenutasi nel novembre a Venezia, all'isola di S. Giorgio, presso la Lezioni sui colori. I colori stanno riemergendo come soggetto particolare e universale delle arti.

I colori fisici, psichici, alchemici secondo Goethe stanno invece al principio e alla fine delle arti Caro Maestro. Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l'ottantesimo compleanno. Le Francais des Lettres et des Arts. Partendo da una conoscenza Tsai Ming-liang. La sua influenza, discreta e sottile, ha superato i confini dell'isola fino a lambire le coste della Cina continentale e costituire oggi un importante punto di riferimento anche per molti cineasti occidentali.

Tsai filma English for Foreign Trade. Saggi su Ruskin. Stile, retorica, traduzione. Presenze foreste in Friuli Venezia Giulia. Lingua nazionale, dialetto e italiano di stranieri. Contesti interazionali nel Veneto. Quale lingua si parla, oggi, nel Veneto? Luogo-spazio-architettura e semiotica. Scritti vari. Elaborati per occasioni diverse ma comunque riconducibili ad una stessa istanza teorico-critica , gli scritti raccolti in questa opera documentano i tentativi intrapresi tra gli anni '70 e i '90 per ripensare problemi e questioni del gradiente luogo-spazio-architettura urbanistica , sulla scorta di paradigmi e strumenti della Nuovi chengyu.

Anche in cinese le locuzioni idiomatiche, i chengyu , occupano una parte importante nel patrimonio culturale e linguistico nazionale. El espanol en las carreras humansticas. El espaol en las carreras humansticas si propone come strumento per l'insegnamento dello spagnolo a fini speciali ed rivolto soprattutto agli studenti universitari italiani di indirizzi umanistici che, partendo da un livello A2-B1 di conoscenza della lingua, desiderino migliorare le loro competenze linguistiche attraverso Appassionata al gioco letterario fin dai tempi della scuola, la scrittrice ama concentrare la sua attenzione sulla graduale scomparsa dell'identit Il fiume di Cristoforo.

Raccolta di poesie con testo a fronte. Ku Sang ,poeta, giornalista, scrittore, saggista e docente universitario, uno degli intellettuali di maggior spessore della Corea del XX secolo. Nasce a Seoul pochi mesi dopo lo scoppio delle rivolte del Movimento d'indipendenza del 1 Marzo contro il dominio coloniale nipponico, soffocate nel sangue dalle truppe Le stanze di Venere.


  • A Right to be Wrong.
  • scuola - universita Corriere della Sera - Ultime Notizie?
  • Importing the Dragon;
  • After the Storm.
  • Je tattends dans mon monde (French Edition).
  • Index of /page_1.
  • Libri, Arte e Cultura: ultime notizie - Corriere della Sera - Ultime Notizie.

Poesia d'amore in forma di sonetto nel Novecento italiano. Molti, anzi moltissimi, sono i poeti del Novecento che recuperano, e a tratti deformano, il metro canonico della tradizione italiana. Se Amore la causa scrive Zattarin il sonetto la gabbia, l'arena, il corpo: la poesia saluta lo scontro fra l'imperativa brevitas di una forma chiusa e la natura dirompente di una materia aperta e Un libro uno specchio, un destino.

Il lettore si riflette nelle parole di un uomo che non riuscito a trattenersi dal parlare. Se il traduttore fallisce nello scrivere una poesia non ha Tra forma e figura. Tre seminari sulla rappresentazione. Strumenti mentali. Questo pacchetto di strumenti mentali in forma di libro ha due anime: sia un contributo teorico che un manuale pratico, per tutti. Rendersene conto e imparare a usare questo potere in prima persona importantissimo per chiunque, e English for Business.

Tosa nikki Diario di Tosa. A Ki no Tsurayuki ca. Inviato in seguito La laguna ferita. Uno sguardo alla diossina e agli altri inquinanti organici persistenti POP a Venezia. Con una pubblicazione sintetica i curatori forniscono un'esposizione rigorosa dello stato dell'arte delle ricerche scientifiche in un campo molto delicato e controverso.

Per la prima volta vengono presentati, in maniera semplice, i risultati di svariati studi effettuati da diverse Istituzioni pubbliche e private riguardanti il Roots and Beginnings. This volume focuses on issues of roots and their manifold elaboration. Its essays are concerned with works and topics relevant to the founding phase of post-colonial literatures, the origins of specific literary genres, and their later development. The post-colonial authors examined here include Janet Frame, Mudrooroo, Derek Gefangenennummer Memorie dai lager nazisti del capitano Mario Zipoli.

Il capitano Mario Zipoli viene inviato con le truppe italiane a Cagnes-sur-mer a fianco dei tedeschi e viene l sorpreso dall'armistizio dell'8 settembre Rifiutandosi di collaborare con l'esercito nazista arrestato e trascorre circa venti mesi in vari lager. In questo periodo egli scrive, in una minuscola agenda che conserva a Francais professionnel: La chaussure. Professional English: Tourism. English for Communication Science. Dal diveniente all'immutabile.

Studio sul pensiero di Gustavo Bontadini. Gustavo Bontadini ha inteso mostrare che lo sviluppo del pensiero moderno e contemporaneo sfocia nell'apertura alla metafisica classica. Una tesi di grande audacia. English for Cultural Heritage. Chikusai il ciarlatano. Il racconto del viaggio non lascia spazio alla noia: il filo conduttore della peregrinazione in vista di un riscatto sociale si sgretola mano a mano in una serie English for Architecture. Breve introduzione alla lingua cinese classica. Aspetti del sistema preposizionale dell'eblaita.

Il Sinai della conoscenza. Nominare per esistere: nomi e cognomi. Indice del volume: G. Kant e il linguaggio. Questo libro risponde alla sorpresa suscitata dall'apparente rimozione kantiana della questione del linguaggio. Gi Hamann e Herder, primi interpreti della Critica della ragion pura, avevano osservato come, togliendo ogni rilevanza al linguaggio, Kant condanni la ragione umana allo sradicamento da una viva esperienza del mondo Introduzione alla logica formale.

Un'introduzione breve ed essenziale alla moderna logica simbolica. Francesco Berto dottore in Tarkovskiana 1. Arti cinema e oggetti nel mondo poetico di Andrej Tarkovskij. Mi fai male Si definisce come violenza di Storia della linguistica cinese. Questa Storia della linguistica cinese si propone di delineare un quadro della storia degli studi sulla lingua cinese dalle origini fino alla fine del diciannovesimo secolo, in Cina e in Europa.

Genealogia della formazione. Volume primo. Le radici educative della cultura occidentale. Ricostruire la genealogia della formazione non mai solo partire dai concetti, valori o principi dell'educazione, trascurando il profondo intreccio che, invece, la lega alle mutazioni antropologiche che accompagnano la Storia dell'Occidente. Genealogia piuttosto un attardarsi sugli indizi, prestare attenzione scrupolosa alla loro Architettura dell'immaginazione.

La poesia di Jzef Czechowicz. L'ampia antologia presenta nella sua ricchezza la poesia di uno dei pi originali artisti del Novecento polacco, Jzef Czechowicz Lublino, Lublino, , esponente dell'avanguardia nel Ventennio tra le due guerre, vissuto tra Varsavia e Lublino. Czechowicz sfugge alle etichette univoche, poeta dell'inquietudine e del dissidio Buongiorno Cina!

Corso comunicativo di lingua cinese Volume I. Buongiorno Cina. Corso comunicativo di lingua cinese un set di manuali di lingua cinese destinato agli studenti italiani. Cinquant'anni dell'AILC. Paper Bullets of the Brain. Experiments with Shakespeare. Paper Bullets of the Brain are experiments in criticism where Shakespeare's works are addressed in conjunction with history, politics, philosophy, art, philology and performance.

Themes include a meditation on directing Shakespeare at the Globe Theatre; the obscure figure of Shakespeare's wife in factual and fictional biographies; La tutela dei beni culturali nel diritto internazionale e comparato. Arte oltre le forme - Indoasiatica 1. Per questo i Le Pieces par ecriteaux nel teatro della Foire - An Intermediate English Syntax.

An Intermediate English Syntax una guida pratica alla grammatica e sintassi della lingua Guru - Indoasiatica 2. L'effetto placebo. In tempi recenti i placebo hanno Pictures of Modernity. The Visual and the Literary in England, Questo volume raccoglie gli interventi presentati al Convegno Pictures of Modernity. The Visual and the Literary in England, , tenuto a Venezia il 10 e 11 maggio I tredici saggi offrono un approccio al tema variegato e innovativo, concentrandosi in particolare sulla storia, la teoria e la prassi estetica del visuale, Il libro viene costantemente aggiornato per presentare, a livello introduttivo, nuove tematiche della ricerca economica Questo trattato, opera dello shaikh Shah Abu'l-Hasan Zaid Faruqi, che Thomas Dahnhardt qui ci propone, rappresenta la prima traduzione diretta dalle originali stesure in persiano e urdu.

Correspondencias de Nueva Granada India e Nordest: il mercato del terzo Millennio - Indoasiatica 7. In quel periodo raccogliemmo l'interessante sfida lanciata Incroci di poesia contemporanea. Quando nel iniziammo a coltivare l'idea di poter dialogare con i poeti, e i loro traduttori, di averli tutti nostri ospiti nel Dipartimento di Studi Europei e Postcoloniali, pensavamo che la maggiore Caratteri cinesi. Il volume Caratteri cinesi si rivolge a coloro che desiderino addentrarsi nello studio della lingua cinese. Dato che una delle maggiori difficolt che pone l'apprendimento di tale lingua consiste nell'assimilazione delle sue unit di scrittura, si concepito il presente volume quale ausilio per tutti coloro che si accingano ad Giappone: un diritto originale alla prova della globalizzazione.

Nonostante le influenze tradizionali cinesi, ottocentesche europee e statunitensi nel secondo dopoguerra, il diritto giapponese mantiene alcuni tratti caratteristici. L'attenzione dedicata esclusivamente al diritto contemporaneo, che rimane ancora Franca Trentin Intervista. I fiumi sacri - Indoasiatica 6. Raccolta degli atti del Convegno Nazionale, Fiumi sacri, corsi celesti e correnti sotterranee: le acque animiche nel macrocosmo e nel microcosmo, Venezia ottobre Orale e intercomprensione tra lingue romanze.

Molte delle ricerche attuali mirano a raggiungere l'obiettivo del plurilinguismo ribadito dall'Unione europea. Particolare rilevanza acquista in tale contesto l'intercomprensione tra lingue appartenenti ad uno stesso ceppo linguistico che consentirebbe a due parlanti di comunicare, ciascuno esprimendosi nella propria lingua. Corso comunicativo di lingua cinese Volume III.

Corso comunicativo di lingua cinese un manuale in tre volumi di lingua cinese per studenti italiani. Avant-gardes in Japan. This collection of essays examines Japanese avant-garde expressions, the socio-cultural interrelations in the encounter with Europe in the pre- and post-war twentieth century. The first section focuses on the introduction of Futurism and Japan's pre-war avant-garde phenomena in literature, art, cinema and journalism. Part two is Beowulf al cinema. Quello che le riscritture non dicono. Negli ultimi dieci anni si contano almeno cinque riscritture cinematografiche del poema antico inglese Beowulf, alcune delle quali dirette da registi di fama mondiale e interpretate da volti noti dello star system hollywoodiano.

Quali sono le ragioni che si collocano alla base della scelta, apparentemente anacronistica nella Poesia e nuovo ordine. Romanticismo politico nel tardo Hofmannsthal. Le riflessioni estetiche di Hofmannsthal nel ventennio costituiscono la base This volume collects papers which were presented at the conference Ruskin, Venice and Nineteenth-Century Cultural Travel held in Venice in September Corpi femminili nell'opera poetica di Yves Bonnefoy. La critica da sempre concorde nel riconoscere la 'funzione ontologica' della poesia di Yves Bonnefoy: esperienza dell'essere indissociabile dalla riflessione sull'essere.

Proiettata verso il mondo esterno, suo indiscusso oggetto di appassionata ricerca esperienziale, l'opera poetica di Bonnefoy utilizza la parola come strumento per La relazione medico-paziente fra tecnica e etica. Analisi microeconomica. Una Bibbia tedesca. La traduzione di Martin Buber e Franz Rosenzweig.

La traduzione della Bibbia di Martin Buber e Franz Rosenzweig il culmine della simbiosi ebraico-tedesca e un punto di arrivo del Rinascimento ebraico in Germania. Entre theologie et politique. Lineamenti di Governance e Management delle aziende di spettacolo. Questo libro, a taglio didattico, si rivolge agli studenti dei corsi in economia dell'arte e agli operatori del settore e presenta concetti, esempi e problematiche attinenti alla governance e al management delle aziende di spettacolo, con particolare riferimento ai teatri lirici.

Accogliendo le impostazioni La frase, il racconto. Le sperimentazioni di Flaubert nei Trois Contes. Lingua polacca. Parte II. Seconda parte degli esercizi per stranieri per lo studio della lingua polacca, Lingua polacca. Esercizi destinata a studenti di livello medio. Si tratta della continuazione della prima parte, Lingua polacca.

Manuale per principianti. La parte integrale dei manuali costituisce Impariamo il polacco. Manuale di lingua La migrazione dall'Asia Minore verso la Grecia La progettazione critica. Il saggio ha per oggetto uno dei tipi di procedimenti progettuali correntemente seguiti nella pratica progettuale professionale la progettazione critica. Pi che di architettura, dunque, in esso si tratta di progettazione architettonica.

Il saggio si apre con delle considerazioni sullo stato del disciplinare e i suoi contesti, Dialogare in cinese 1. Corso di lingua colloquiale con CD audio MP3. Il presente manuale si rivolge a tutti coloro che desiderino apprendere la lingua cinese sviluppando in particolare le competenze orali. L'approccio scelto di tipo comunicativo.

Nelle diverse lezioni sono stati messi a fuoco i principali atti linguistici e le relative modalit espressive, cos da offrire allo studente gli strumenti I giovani raccontano gli anziani. Lo scopo primario di questo volume analizzare un archivio veneziano di cortometraggi realizzati da giovani, che ci invitano a riflettere, come dice il titolo, su invecchiamento, dialogo intergenerazionale e trasmissione culturale. Dialogare in cinese 2. Il manuale si compone di due volumi di 24 lezioni ciascuno.

Il primo volume consente di raggiungere il livello di competenza linguistica A2 del CEFR Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue , equivalente al livello 2 del sistema di certificazione della lingua cinese HSK Hanyu Shuiping Kaoshi , il secondo Carte ritrovate.

Percorsi della musica giapponese nel Novecento. Il volume affronta la storia della musica moderna in Giappone a partire dalla restaurazione Meiji Un'ampia introduzione delinea la situazione della musica giapponese all'epoca dell'incontro con l'Occidente, con uno sguardo approfondito sulle premesse estetiche e teoriche di quel pensiero musicale.

La prima parte tratta del Lingua Polacca. Manuale per principianti - Esercizi. Bartnicka, M. Di Salvo, W. Jekiel, M. Si tratta dei grandi nuclei Compendio di grammatica cinese moderna. Il presente Compendio offre un ausilio per lo studio del volume Grammatica di cinese moderno Venezia, Cafoscarina, , di cui a un tempo strumento preparatorio e prontuario pratico.

Della Grammatica , il Compendio segue la medesima progressione nella presentazione della materia, costantemente esemplificata con frasi di La passione impressa. Il titolo di questo volume, "La passione impressa", si salda idealmente con il pi recente contributo del dedicatario, "Una passione' dantesca in Pavese", anticipato in una indimenticata lezione per la Dante Alighieri veneziana Simbologie dantesche in Cesare Pavese. In altre parole, intende porre l'accento sull'autore che continua Lingua Giapponese. Corso introduttivo 2. Shokyu Nihongo.

Esso cerca di fornire in forma progressiva i fondamenti della lingua, avviando i discenti da un livello zero fino a un livello medio di conoscenza linguistica. I n particolare, esso mira a impostare La memoria inquieta. Cinema e resistenza. Concepito per il corso di Storia del cinema italiano, il libro si rivolge anche ad insegnanti e operatori culturali che vogliano proporre il cinema sulla resistenza e usarlo didatticamente come documento della storia. Corso introduttivo 1. In particolare, esso mira a impostare Alessandro Baricco.

Il destino e le sue traiettorie. Shin bunka shokyu nihongo. Dare ragioni. Corso di lingua turca moderna. Terza Edizione. Manuale destinato a studenti universitari anche principianti che iniziano lo studio della lingua turca. La laguna di Venezia: idea e immagine. L'amor cortese nel Medioevo tedesco. Introduzione al Minnesang. Accanto ad un commento introduttivo volto a mettere in luce le questioni pi rilevanti legate Guardare dal fondo. I segni del ' Il sistema di bilancio per le aziende di piccola dimensione.

La dimensione del contenuto e Volume secondo. Esercizi Fonetici e ortografici nella lingua polacca. La fonetica e l'ortografia polacche non sono facili da studiare e bisogna dedicare loro un po' di tempo per impararle bene. Questi esercizi pratici sono concepiti per gli studenti stranieri, che studiano la lingua polacca a livello medio-avanzato, per quanto possano essere anche utilizzati al livello elementare, e persino nella L'occhio rapace.

E nel momento in cui prende le distanze dal Williams pi lirico Simic allude, arguto e Letteratura cinese. Le storie generali della letteratura cinese sono a tutt'oggi piuttosto rare, un genere la cui nascita recente sia in Cina che in Occidente. Cronache dalle fornaci cinesi. In un paese come la Cina dove gli scandali sul lavoro sono all'ordine del giorno, esiste ancora un'opinione pubblica che ha la forza di indignarsi di fronte alle violazioni dei diritti pi elementari della persona.

Nell'estate del i media cinesi hanno portato alla luce un traffico di centinaia di adolescenti e disabili rapiti Grammatica di cinese moderno. Il volume intende fornire un quadro di insieme dell'attuale sistema grammaticale cinese. Solo i giovani hanno di questi momenti. Racconti di cinema. Yatabi lebnaaniyyi. Un 'livello soglia' per l'apprendimento del neo-arabo libanese. Qualcosa di inatteso. Esercizi di microeconomia. Costituisce un complemento essenziale al testo Microeconomia di Varian.

Immagini della mente. Scrittura e percezione visiva nella letteratura inglese del Rinascimento. Muovendo da un sonetto in cui Philip Sidney, promotore di una Lega protestante europea, descrive il dipinto della donna amata conservato nel cuore del suo alter ego poetico, il volume si conclude Per una cittadinanza attiva.

Quanto siamo sudditi e quanto cittadini?

Annali d'Italianistica

Questo libro sviluppa un percorso di pensiero Avviamento allo studio del cinese classico. Per lingua cinese classica si intende l'espressione colta in un gruppo di dialetti parlati in un'area grosso modo corrispondente all'odierna Cina settentrionale e centrale, accomunati in una sorta di lingua franca, attiva in un periodo all'incirca compreso tra il e il a. L'autore descrive in modo semplice e dettagliato le Etica economica. Rumbo a la comprension. Grammatica di giapponese moderno.

Questo volume fornisce agli studenti italiani di giapponese una conoscenza globale e articolata della grammatica della lingua giapponese moderna, necessaria sin dai primi mesi dell'apprendimento. Si prefigge quindi di essere un testo adatto sia agli studenti del primo anno sia a quelli del quarto che necessitano di consolidare la History at Stake in East Asia. History at stake in East Asia deals mainly with relevant issues concerning East Asian history by adopting an inside perspective and comparing different views now prevailing in Japan, China and Korea.

It seeks to rethink the interaction between the universal' and the local' by overcoming the traditional view of East Asian history L'eterno confine. Saggio su Max Scheler. In un corso del 25, Heidegger rievoca la definizione di Scheler dell'essenza intenzionale dell'uomo come gesto della trascendenza. Sullo sfondo di tale suggestione, questo saggio ripercorre il tragitto inquieto e multiforme della paradossale metafisica antropologica di Max Scheler, ricostruendone progressivamente il principale An Intermediate English Syntax Workbook.

Questo libro progettato per l'uso congiunto con An Intermediate English Syntax : gli esercizi corrispondono a ciascuna sezione. Il libro intende fornire vari materiali linguistici, correzione e identificazione degli errori, cloze passages , test a risposta multipla e completamento di frasi. Sono stati inclusi Una buona conversazione dialogo con alvaro Siza. Certo, il problema reale inserire ci che ho descritto in un programma architettonico di larga scala, che includa la maggior parte della popolazione, o Economia e politica dell'agricoltura.

Integrazione in William Faulkner's Legacy. Corso comunicativo di lingua cinese Volume II. Il ritratto del procuratore e altre storie. Con incalzanti dialoghi, grande grazia, humour, eleganza di scrittura, e anche suspence, Paolo Galli ci presenta cinque racconti che riguardano opere d'arte, immaginando con fantasia e acutezza l'ambiente e le vicende che stanno dietro al quadro, al disegno, all'affresco. Questi racconti includono il mondo del Settecento veneziano Cicerone De Fato. Sharples Sed haec hactenus Un altro fontego. Il caso esemplare del Fontego dei Tedeschi: svendita o progetto innovativo?

Questo libro vuol uscire dalle secche in cui incagliata la politica veneziana, per Nuovi argomenti. Un trattato politico della Cina antica. Le avventure di Pinocchio , a quasi anni dalla sua pubblicazione, non aveva ancora raggiunto il pubblico sordo. Tutti i sordi italiani conoscono Pinocchio da diverse fonti film, cartoni animati, narrazioni , ma pochi hanno avuto il piacere di averlo visto letto o narrato nella propria lingua madre.

Pinocchio un Nostalgie c'est pour toujours. Omaggio ad Andrej Tarkovskji. Gare di appalto internazionali. Call for tender. Scopo di questo lavoro di fornire alle imprese e ai professionisti uno strumento per partecipare alle gare indette dalle organizzazioni internazionali ONU, Banca Mondiale e Unione Europea. Le organizzazioni internazionali tendono a costruirsi delle regole per la gestione dei progetti e dei programmi sulla base delle esperienze I confini dell'Europa.

Globalizzazioni, conquiste, tecnologie tra Ottocento e Novecento. Chiusa per la maggior parte da confini tracciati dal mare, l'Europa resta indefinita se dovessimo guardare verso i suoi limiti orientali e appare quasi una specie di organismo in evoluzione, che a volte si espande, altre volte si contrae, al pulsare ritmico dei mutamenti della storia: un cuore che batte nel trascorrere dei cicli del Traduzione e parodia.

Le riscritture contemporanee di Kawabata. In vari testi parodici di Trasmetto, non creo. Percorsi tra filologia e filolosofia nella letteratura cinese classica. Figli unici. Gi allora blogger famosissimo, nel Han Han attaccava l'establishment letterario cinese. Ma la sua sfida alle istituzioni era iniziata almeno sette anni prima, quando l'autore, ancora adolescente, aveva scatenato una polemica contro la scuola cinese abbandonando gli studi e pubblicando un romanzo satirico che svelava con forza Strumenti per l'arricchimento del lessico con il bambino sordo.

Il bambino sordo riceve oggi una stimolazione linguistica impensabile solo dieci anni fa. Ciononostante, in molti casi persistono problemi nella conoscenza dell'italiano, che si manifestano anche nella limitata conoscenza delle parole e nei problemi di comprensione della lingua scritta. Il presente volume illustra alcune proposte A Healthy Nation. Zionist Health Policies in British Palestine. In this innovative research, the social organization of health is used to investigate patterns of nation- and state-building in Palestine during the British Mandate While that was the last time the country was united under a single government, the foundation of future divisions were also laid in those years.

This book Essere qualcun altro. Ebrei postmoderni e postcoloniali. I saggi qui raccolti offrono una Conosci la Cina. Se la lingua il ponte che permette la comunicazione reciproca tra i cittadini del mondo, la cultura il legame che consente ai membri della grande famiglia delle nazioni di attuare scambi, di imparare l'uno dall'altro, di trasformare l'esperienza in utili insegnamenti e di sviluppare relazioni di amicizia.

Di pari passo l'ondata di Beta Israel: the Jews of Ethiopia and Beyond. History, Identity and Borders. It focuses around the issues of history, identity and borders concerning the "Beta Israel" Dissimulazione e tragedia. Sei conversazioni su Paolo Sarpi e Max Weber. Storie di Yokohama. Quando dal ponte della nave ho visto le macerie del porto, inaspettatamente, le lacrime hanno cominciato a scorrere. A tal punto ho amato Yokohama.

Utilizzando il linguaggio di simulazione Extend questo lavoro esamina l'impatto di vari fattori sull'esito della competizione proponendo alcune estensioni dell'originario modello La gestione del ciclo di progetto. Guida pratica ai finanziamenti CE. Dal la Commissione Europea utilizza il Project Cycle per la preparazione e realizzazione dei progetti comunitari di cooperazione a gestione diretta , e raccomanda di utilizzare lo strumento del PCM anche nei programmi e progetti a gestione delegata o indiretta.

At the Margins of Conflict. Social perspectives on Arabs and Jews in British Palestine The Israeli-Palestinian conflict deepens its roots in the period of the British Mandate The British tried to rule Palestine as a united country, as they were convinced they would create a shared Palestinian identity between Jews and Arabs. At the same time, Zionist Jews and Palestinian Arabs were developing their Lettere italiane del Novecento. Se troppo breve ancora la prospettiva storica per poter considerare assestato un profilo dei valori narrativi del secolo scorso, alcune conclusioni sembrano comunque inoppugnabili: l'attribuzione di un'egemonia alle tematiche narrative dell'impegno sociale da un lato, e la celebrazione di alcuni vistosi fenomeni di effervescenza Commento allo Statuto della Regione del Veneto.

Cambiamenti climatici. Prefazione di Carlo Carraro e Luca Mercalli. Crediamo che questo non sia uno dei temi, ma il tema. Tutto sta accadendo pi in fretta di quanto si sia riusciti a immaginare o a sapere. La dichiarazione di Bali del annunciava Lo schermo scritto. Letteratura e cinema in Giappone. Scrolavezza Contaminazioni incrociate: immaginario filmico e universi letterari dal romanzo allo schermo. Natsume Soseki Dizionario cinese-italiano. Questo Dizionario Cinese-italiano, con le sue circa Nel segno dell'horror.

Forme e figure di un genere. La vertigine dello sguardo. Tre saggi sulla rappresentazione anamorfica. Una raccolta di tre saggi incentrati su un comune tema di ricerca, quello dell'anamorfosi, tecnica prospettica di deformazione delle immagini nota sin dal XV sec. L'interesse nei confronti di questo aspetto della storia della rappresentazione oggi English for History and Philosophy. Un saggio del volume disponibile nella sezione English for History and Philosophy un nuovo approccio alla didattica della lingua inglese.

Servendosi di materiali autentici, e ripercorrendo le tappe principali della storia e del pensiero britannici, il testo mira a sviluppare, in modo rapido ed efficace, le competenze della Outline of a Persian-English Dictionary. Transliteration table Introduction The dictionary project. Technical stages. The corpus. The poets.

ABBONATI 1 EURO AL MESE!

Basic criteria. Computer-assisted procedures The dictionary structure. Microstructure Encoding the corpus. General rules. Criteria for compounds. Encoding homonyms Inno alla donna. Raccolta di poesie di Sad Akl: il primo letterato che propose l'alfabeto latino per trascrivere l'arabo e il neo arabo. Fornisce una completa revisione ed espansione dell'Alfabeto Fonetico Internazionale e contiene importanti innovazioni teoriche, terminologiche e notazionali. Il libro risulta molto utile per l'addestramento di fonetisti, dialettologi, linguisti. Oltre il giardino.

Soprattutto dal vivo. Molto positiva la trama musicale, colorata di folk. Un lavoro piacevole, buon suonato e dalle melodie intriganti. Non un disco per cambiare le sorti della musica, ma un tassello che molti di voi potrebbero apprezzare. Ecco quindi che echi ambient e voci registrate si fondono con delicatissimi arpeggi dal profumo fantasy e riff di tipica scuola hard rock, fiancheggiati da improvvise impennate sinfoniche cafonissime e maestose e freschi fraseggi dal profumo primaverile, il tutto sorretto da una sezione ritmica ottimamente impostata e puntuale che dona corpo ai brani senza incatenarli a una struttura troppo opprimente.

E la voce, direte voi? Gran bel pezzo che, personalmente, mi riascolto almeno due o tre volte prima di passare alla traccia successiva. Speranza messa in musica. Abbraccio materno. Riff che riportano alla scuola di Michael Romeo. Come la Natura. Sfuriate e follia.

Giudice e carnefice, danza pagana dai risvolti macabri. Il bosco, la pace, la terra e la vita nella loro massima espressione. Arpeggi che accarezzano le foglie degli alberi che ben presto si trasformano in ritmiche violente come un temporale estivo. Epic granitico. Ritmiche a salire, synth e ancora archi ad amalgamarsi come una pozione stregata. Pezzo affascinante, travolgente, da saltare e ballare. Cori ammaliatori da intonare. In sede live, roba che spacca. Demoni danzano intorno al fuoco al suono di una gironda, in questa ballata macabra.

Conclusione col botto, pirotecnica. Quella cosa che non ti aspetti , che ti fa sgranare gli occhi e cascare la mascella. Miscela perfetta tra la grazia della sessione archi, la voce regale e cristallina di Simon , il dna rock dello Strega e una sessione ritmica da favola, con Morgan al basso e il terremoto Carlos dietro le pelli pronti a spettinare chiunque.

Un lavoro di cui andare fieri. Fatelo vostro e lo consumerete. Non amo il folk metal, ma amo la buona musica e sono in grado spero! In poche parole, non metal. La voce femminile nelle band folk metal hanno spesso il compito di traghettare chi ascolta verso mondi lontani, utilizzando dolcezza, bellezza del timbro, interpretazione. Come dite? Bhe… qualcosa non quadra. Nello specifico, Pyaneta ci parla del rapporto con la nostra madre terra, una sorta di vademecum su come troppo volte ci si dimentica del rispetto che le dovremmo tributare.

Le strutture, talvolta heavy e minimali, sono base su cui i vari strumenti e le attitudini pagane si vanno ad incastonare. Adrenalina ed atmosfera, che dona entusiasmo, pur non proponendo niente di davvero incisivo o innovativo. Folk Metal Anno July Reviewer Leo Provenance Olanda Pyaneta, the fifth and most recent work of MaterDea, comes from Italy with its characteristic sound that mixes symphonic, power and some folk metal. Its symphonic sound is well handled and their folk essence stands out in the lyrics and album theme, focused on the planet, nature, and life; a theme very typical of the folk music genre that we can see also in the cover art.

The melodies style is consistent throughout the disc, what in some cases, could feel similar to other songs within the same album. Rating: 7. Over the years, symphonic metal has remained stagnant, allowing bands that have remained in the game to continue releasing albums while new, fledgling bands have to stand out by incorporating new elements in the tried-and-true method of operatic vocals and death growls. In the case of MaterDea, their fifth release Pyaneta does a little bit of both, eventually changing into something more cohesive and consistent.

To start things off, I was not impressed with the first half of the album. MaterDea had, essentially, thrown a lot of things together to see what could stick, but failed to fully develop those ideas into something cohesive. And that it did. Because of this, Pyaneta became enjoyable — at one point, I was tapping my foot in time to the beat. The music also becomes more emotional and ethereal, allowing for majestic, melodic introductions and vibrant tones that were missed on the first half.

The first half may not be great, but the second half makes up for those shortcomings. Obviously, this is an album that needs to be played several times in order to be enjoyed, but, once the listener has gotten over the first half, they will have a great time. Viaggiano alla media di un disco ogni due anni, quindi risultano anche abbastanza prolifici sotto quest' aspetto. Il nuovo Pyaneta inizia alla grande, presentando un ottimo brano Back To Earth, dove i nostri mostrano da subito un robusto e roccioso metal con delle influenze symphonic molto ritmate e con una parte di canzone, intorno al quarto minuto che ricorda da vicino gli Iron Maiden, era Fear Of The Dark.

Materdea has, of course, the basic instruments like bass, drums, and guitars but adds two violin players and a cello player to the line-up. On their website is an eight member listed but I guess that somebody who helps out the band with lots of things. With eleven songs and a total playing time for over an hour, Pyaneta has for everybody something to like. Symphonic may be their main ingredient but the band takes the right amount of folk to spice things up.

Every song on Pyaneta holds something that surprised me, it could be the intro when the songs start or some melodies that are unexpected. It makes Pyaneta an interesting listen. Folk Rock gespickt, gepaart mit choralen Kinderstimmen. Dieser Song hebt sich definitiv heraus. Son los trabajos que anteceden a Pyaneta. Ya anticipaba algo al momento de mencionarlo como single. Autor de Peter Pan. Que hablaba sobre el tema de la Eutanasia. Con el moribundo. Es un tema sin mayores arreglos, pero funciona bien. O mayor intensidad por momentos. A modo del tema single del disco.

They hail from the north of Italy and mix the folky sound of Eluveitie with elements of symphonic metal. To make this striking combination reach maximum potential, the band has two violists and a cellist next to the regular string artists. Also the group uses both male and female vocals. This sounds so much better than the keyboard violinst that many other bands bring forward! Sometimes the strings hold back in very standard support, and they should come forward just that bit more. The full potential of this large band is not yet used, and there is definitely some room for improvement there.

The combination of two vocalists and classical instruments remind of the work of Victor Smolski such as Lingua Mortis Orchestra and Almanac. A disclaimer about the vocals not nearly reaching that level must be added here, and that is the primary weak spot of MaterDea. Female vocalist Simon Papa can definitely sing, but her high and overly sweet voice is on a constant lullaby level, and also the limited vocals of Marco Strega miss any sort of balls.

Very unfortunate, because on an instrumental level, the band manages to strike the right chord on all their strings. Further ahead on the CD we encounter some very interesting songs. Is it enough to make a lasting impression after the CD kind of collapsed unto itself because of the tedious vocals? Not when the toe-curling last song abuses my eardrums with the most horrible guest? MaterDea has some fine ideas and there is definitely some potency in this group.

Alas it is mainly the vocals that do not live up to the level of the rest of the group, and therefore hold back the general level of the whole thing. I enjoyed the pretty music, but this is not an album that will get a prominent spot in the album collection. Maar omwille van muziek is Turijn niet gekend, nochtans is Turijn de bakermat van MaterDea die inmiddels reeds toe zijn aan hun vijfde album. Ze vonden onderdak bij Rockshots Records, niet meteen het meest gekende platenlabel, maar hopelijk een kans op een betere verdeling.

MaterDea is een band die zeker de moeite waard is om bij stil te staan. Basis van de band is zangeres Simon Papa en gitarist Marco Strega. Compositorische en technisch zitten de songs op dit album goed in elkaar. Er wordt o. De enige bedenking die ik heb is bij de stem van Simon: vals wordt er niet gezongen, maar ik heb de indruk dat het zangbereik eerder beperkt is. En aangezien het om symfonische metal gaat, zou je toch eerder een stem verwachten die wat gevarieerder uitpakt.

Maar goed, weten wat je kan en waar je limiet ligt is ook al een verdienste. Hier en daar duiken folky elementen op. Meestal is het rechtdoor na een mooie intro. Soms zitten er mooie tussenstukken in de nummers. Je mag dit gerust een sterk album noemen door de creativiteit en de technische hoogstand. Formed in , these Italian metallers have been pushing out excellent work in the folk scene. What comes off a bit difficult at times is the sweet innocence in the vocals of Simon Papa mixed in with the heavier bits. The contrast is unique and some might find it tough to get used to. Honestly, it is a bit similar to classic acts like Falconer, so maybe it will not be too difficult to enjoy.

The tracks are growing on me! I am superbly torn. The song progresses into some excellent speedy parts and offers a terrific guitar solo before finally floating back into an acoustic passage, before closing out in epic fashion. Extremely enjoyable. The following track does exactly that! Great work here that must be heard, showcasing excellent transition from mellow to heavier while keeping great consistency. This is awesome; let us dig into the last few tracks to close out the album.

Love the addition of these effects in a few of these tracks. Also, very refreshing to hear male vocals from Strega starting off this track. It is interesting to me how many bands I have been reviewing and listening to that are out of Italy lately. It appears there is quite a symphonic, Celtic and folk metal culture there that has been off my radar. That has certainly changed this year. MaterDea has been around since and this is their fifth studio album release, so they are veterans to the industry.

It really shows in the quality of the production on the album, especially with so much going on in each song. You have female vocals predominantly, but also male vocals in support and even some children singing background vocals. The amount of different instruments is quite amazing!

We have guitars, bass, drums, keyboards, violins and cello. The band started when vocalist Simon Papa and guitarist Marco Strega collaborated on a Celtic soundtrack for a short movie. From there they started working on writing music and MaterDea was born. The album starts with the track Back To Earth. This song starts with some eerie music and a dire message to the children of earth.

The guitars explode in with keyboards in support. The music has a great feel to it. The guitars and keyboards playing off of each other quite well. She shows such a wide range of singing ability on this opening song. We also have some male vocal in support that fit perfectly into the song. This six-minute epic has just about everything a song can have. In fact almost all the songs on the album run five to seven minutes. We also get a great guitar solo in this song. The chorus is very catch as well. It is a great way to start off the album.

Neverland is another song that really stood out to me. Once again we have a bit of an eerie opening. This song is a little softer than Back To Earth. It gives Papa a chance to really showcase her voice. The music in the song, especially in the middle really delivers that Celtic vibe. I really love that a lot of metal is adding that Celtic sound to their albums. Once again another strong chorus really carries this song. The song actually feels quite lively overall.

Legacy Of The Woods is another favorite of mine. The song starts literally with the sounds of being in the woods. It is very relaxing. Papa starts in with her softer vocals and they draw you in to the song. The music is melodic and easy to listen to. Then the guitar starts to slowly build and the song jumps up several notches.

Now more of a rock song, with a lot of keyboard to support it. Once again we also have male vocals that really add to the song before it fades back out to the sounds of the woods. Metamorphosis is another song that really kicks it up. The song moves forward at a nice pace and is just mixed so perfectly between the vocals and all the instruments.

It is another song to me that just feels good to listen to. It is almost what I would call easy listening metal. All the songs are so well done that the flow to them is just perfect. We get treated to another serious guitar solo in this song that I love. As we get to the conclusion of the song it feels like the song has really taken off.

Overall this is a very good album. There is not a lot here that is new to this genre of music, but that is fine because it is so well done. Every part of this album is perfectly executed. The musicians, production, mixing, it just all comes together to make a really good album that you will enjoy listening to for a long time to come.

MaterDea is a well-known metal band in pagan and celtic scene. This new record is surely a step forward, forged in the personal style of MaterDea. It's a powerful symphony where all the instruments and vocals join the sounds of nature, painting new mighty pictures using different colors and complex arrangements. The melodies reveal themselves along with the sumptuous guitar riffs, a powerful rhythmic session and the twist of strings and orchestration, allowing the listener to be carried away in a dimension full of energy, beauty and hope by these magical tales.

Influenced by Genesis, Jethro Tull and Led Zeppelin, their sound is best summarised as neo-classical light power metal. Devised as strong, spiritual music, with fantastical elements, it succeeds in this colourful purpose. All 7 band members bring classical training to this vibrant sound. Released on 8th May in the UK. Back To Earth — Whale song opens onto a sci-fi-esque, otherworldly narrative, gradually exploding into full pelt metal.

Memorably powerful feminine vocals, much in the vein of Lacuna Coil, Nightwish and Delain. A notable fluidity encapsulates the track, holistically, as it ends on another voice-over, extolling love as an immediate and central panacea to all. The Return Of The King — Ethereal beauty haunts this intro, incorporating a combo of light sounds, before evolving, once more, into powerful metal.

Again, it just flows, so naturally. Vocally and instrumentally, it is one. Pure melody. Some very intriguing accompaniments in there. Great fast pace, gathering momentum, as it goes, eventually ending on a bestial whale cry, amongst the sound of breaking glass. A quickened pace pushes it along, purposefully, as its power grows.

More than ably assisted by those driven riffs. Ending on the Eastern vibe, to which it returns, a world of power infuses its sound, as that tight, determined drum hit closes it. Strength in spades and an individual touch, to go with it. Neverland — Opening with a flock of seagulls in the background of the sound of manual labour, planing off and soaring into vivid melody.

Search form

Palpable accompaniments and magical sounds interspersing it. Loaded with catchy rhythms and melodies, this is a standout track, for sure. Celtic sounds follow, before and surrounding the feminine, lighter vocals. Heavily melodic, with a lyrically narrative style. Combining light and shade, soft and heavy, as the powered accompaniments flow in and out and around the vocals. Just beautiful. The Legend Of The Pale Mountains — Opening onto an aural scene of mediaeval forests and lakes, complete with violin and accordion, to accompany it.

The electrifying riffs hit at that point. Gentle, feminine vocals join them there, telling their story, till the full on instrumentals take over, on and off. Heightening the power and heaviosity, it races along on a thread of metal gold. Seeming to blend in with the feminine ones, at certain points, the masculine aspect does gain in strength, though still interweaves with the feminine.

Lots of soaring tones in here, picking up more power, as they go. Definitely a greater mystique to this, generally. Metamorphosis — Sounds of tinkling chimes and a short voice-over, before the instantly involved vocals come into play. More than competently supported by big instrumentals and an air of affecting passion and power. Bourre del Diavolo — Wolves howling at the outset, the pumped up accompaniments get straight in there, with a real Celtic flavour and a hurried tone and rhythm. Sharp, affected male vocals narrate their story, in another language, complete with evil laughter.

Narrating a wonderfully fantastical tale, with all the skills and passion inherent within it. A metallic, mythological storyboard, combining old and new world wonder is the closest summation of this standout album. A definite example of all killer, no filler, with mysterious touches, accentuating the metal. Opinion: Sublime. Metallo Italiano Year December Reviewer Alessandro Biasi Provenance Italy C'era una volta una band che cominciava la sua avventura sui sentieri di un folk-rock melodico, complice l'incontro tra la vocalist Simon Papa e il chitarrista Marco Strega in quel di Torino.

Correva allora l'anno A livello sonoro, i paralleli con la band di T. Il resto del disco si attesta sugli stessi ottimi livelli, con la ppalma d'oro per la bella "Merlin And The Unicorn", con una voce maschile accompagna Simon in un pezzo malinconico e drammatico. Gli amanti del genere potranno trovare una vaga somiglianza con i ritornelli dei tedeschi Lyriel. Possiamo affermare che in questo lavoro sono presenti, oltre che elementi symphonic e power, anche sfumature di apprezzabile pagan rock.

L'artwork di copertina mi ha colpito parecchio: una mano che tiene una rosa, la rosa di Egeria. Il vede l'alba di un nuovo capitolo, il terzo, della saga celtic rock creata dai materDea che presentano "A Rose for Egeria", un album in grado di dimostrare quanto il sestetto sia stato capace di evolvere il proprio sound evitando di incappare nell'insidioso pericolo di ripetersi. Nel complesso riesce bene a trasportare l'ascoltatore in un mondo fatato e fiabesco, immerso nella natura e popolato da elfi e creature schive e misteriose.

Un brano in cui il metal classico e la sinfonia si sposano perfettamente, senza tagliare fuori le influenze. Haelnereth Journey , infine, chiude l'album in bellezza grazie alla sua melodia che richiama la musica del nord-est europa. Un folk rock coinvolgente, trascinante, potente e d'atmosfera. Oggi, a distanza di circa tre anni, i Nostri fanno uscire, sempre per la "Midsummer's Eve", questo terzo album intitolato " A Rose for Egeria ".

Ascoltiamo subito queste nuove 11 tracce! Intro d'atmosfera per l'opener " Beyond the Painting ", una atmosfera che miscela affascinanti e sinistre tastiere, una batteria dal suono leggermente digitalizzato e il riffing ruvido che si insinua inizialmente in sordina, prendendo corpo e grinta secondo dopo secondo. La traccia sa incidere per grinta e potenza, presentando un riffing dall'impostazione power sempre supportato da un ottimo lavoro orchestrale, qui capace di dare un lieve tocco di inquietudine.

Si prosegue su toni pacati, sempre velatamente malinconici e suggestivi, con " Merlin and the Unicorn ", una composizione che ci immerge delicatamente in una ambientazione sognante, magica, ma pronta a prendere vigore nei ritornelli carichi di energia. Ci muoviamo ancora su rocciosi tempi cadenzati con " An Unexpected Guest ", con le potenti distorsioni che vanno a braccetto con le "austere" e maestose orchestrazioni.

Chitarra e violino si alternano vivaci e accattivanti, l'una a supporto della voce di Simon, l'altro a intrattenerci allegramente tra una strofa e l'altra. Il duo Simon Papa e Marco Strega, prima di iniziare le registrazioni di questo nuovissimo " A Rose For Egeria ", hanno preferito sistemare le cose all'interno della band, trovare le persone giuste e ricreare un ambiente positivo che, magicamente, esce da ognuna di queste undici tracce.

La seconda parte invece, pur rimanendo sempre grintosa, riabbraccia i temi ballerecci e gioviali tipici dei primi due dischi. Come sempre, una band da scoprire e da assaporare ascolto dopo ascolto Gran disco. Nel suo genere un lavoro formalmente perfetto. Dall'uscita del loro primo album hanno creato un suono con una forte struttura di rock perfettamente fusa ad atmosfere mistiche e sognanti, in cui le voci, violino e tastiere, disegnano gentilmente linee melodiche su una sessione ritmica potente.

Evocano elfi che ti accompagnano all'interno di miti e immagini fantastiche, accompagnando la tua mente con una dirompente musica onirica. Le due cantanti sono sorprendenti. Per questo motivi gli italiani Materdea mettono la cura migliore. I vocalizzi sono incredibili, non esagero, con le chitarre che appaiono furiosamente scendendo scale come un aggraziato cavallo al galoppo.

Un momento che ti inchioda. La prima volta l'ho ascoltata con le luci spente e gli occhi al buio. Lo scatto della chitarra attraverso il suono della viola e del violino creano bellissimi tocchi che adornano la classica interpretazione di Simon Papa. Un musical popolare metal con timbro e firma MaterDea. Con "Altars of Secret" mi hanno esterefatto. Un altro eccellente momento di "A Rose fo Egeria".

Arrivando poi a "Running all Night with the Wind" che mi riporta indietro all'unica e sola lirica dei MaterDea. Con il loro nuovo album i nostri MaterDea ci invitano a scoprire il loro mondo e di lasciarci nelle loro mani per condurci in un mondo lontrano dalla vita dura, monotona e routinaria che viviamo. Dobbiamo farlo? Female fronted folk metal band with both keyboards and a violin.

Well then,. The songs on A Rose for Egeria are often epic and very beautiful. The bands vocalist has a beautiful and rather thin voice and the interplay between the caressing female lines and some of the groovier guitar riffs is very well done. It's not overplayed, so when it does get used it adds flavor rather than coming off as a dull and overused gimmick.

A Rose of Egeria is eleven tracks of well written and properly thought out symphonic folk metal, the kind of thing that restores my faith in the genre. Part of the appeal of Materdea for me is the way that they manage to craft some really excellent melodic lines, seemingly out of thin air. For example, their is no real precedent for the introductory keyboard line in An Unexpected Guest but it is immediately recognizable and extremely memorable.

There are also some very weird and strangely fascinating moments. Perhaps the most bizarre is Land Of Wonder which features the voice of a fairy, strange, but well developed. Materdea bill themselves as Elvish Metal and given the rather otherworldly magical feel of these songs, I can't think of a better label. So Materdea have managed to rise up, masters of a genre that has often been called overcrowded. Their unique niche is one that many bands have tried to work their ways into, but none have succeeded. These Italians are only going up, they are one of the most exciting pagan metal acts on the scene.

With over 5, facebook likes already they are clearly pretty huge on their local circuit. As their songwriting gets even better How they could do that I'm not sure I am sure they could very easily become a massive internationally touring name. Un riff aggressivo e una moderna melodia di tastiera aprono il brano, venendo poi accompagnati da un bel ritmo scandito dalla sezione ritmica. Whispers of the Great Mother , che richiama il tema mitologico della Grande Madre, inizia con una struggente ed evocativa melodia acustica, che interseca diversi strumenti, seguita da una parte misteriosa ed oscura dai tratti folkeggianti.

Sempre da sottolineare l'interpretazione della vocalist ed, in questo caso, il bel chorus folkeggiante. Che il vostro viaggio abbia inizio, buon divertimento Bene, andiamo subito a cominciare! Metal Head Year June Reviewer Renato de Filippis Provenance Italy I MaterDea sono una band davvero interessante, e la loro musica si colloca in una feconda regione di confine poco sfruttata in Italy, ma che spopola soprattutto in area tedesca. Guidati dalla voce leggiadra della cantante Simon Papa, i MaterDea ci portano in un mondo magico e incantato, di altri tempi.

Tutto questo si amalgama alla perfezione con la voce limpida di Simon. Ascolto caldamente raccomandato. The band were formed in and released their third album entitled 'A Rose For Egeria' in February BEYOND THE PAINTING - A slight Gothic sounding intro with an ancient feel and a deep choir as the band gradually creeps upon you then roars into life with gusto with a slight symphonic edge before Simon's powerful and almost angelic sounding vocals backed with strong orchestration come into play and immediately draws you into the story.

The lyrics suit the title perfectly, "she will drag you and pull you inside" and that's exactly what it does as the music swirls around you with a great catchy melodic chorus, a good use of light and shade with a dark heavy feel at times that compliments the main lighter theme of the track as it drives along. A well crafted song with good arrangements to get your taste buds going. Simon's vocals entice you further into the song which has pagan feel with an added symphonic edge that holds you in its embrace as we journey through a busy fantasy land. Excellent violin playing from Elisabetta whist the keyboards add to the texture of the song perfectly as it rocks along with steady guitar riffs and percussion holding it all together in this pleasant rocker that does not fail to get you headbanging.

Great enjoyable number. WHISPERS OF THE GREAT MOTHER - A gentle piano that is smooth and relaxing leads us into a mellow start with lovely strings and a great Celtic pagan feel to the song as we are taken back into a time of long ago and you are put at ease as the track gently washes over you, then without warning your peace is shattered as you are hit with a more heavier style that gets you in its grasp and leads you further into a pagan wonderland which has hidden shadows in places.

As you carry on with your journey it throws up images and feelings of old gods and rituals and ancient forests with satyrs and other beings from folklore before we reach the journeys end. Fantastic story telling. The strings tug at your heart and are very prominent here as the story unfolds and throws out lots of feeling and images that keep you involved and maintaining the theme of ancient times. Added male vocals give an extra dimention to the track as you can almost visualize the unicorn being in danger from a lurking dark force.

A very dramatic and emotional journey here complete with a great powerful chorus. A very well crafted song that is immensely enjoyable with lots of hidden delights. Pleasant female vocals hold their hand out and try and keep you safe as we are taken into the song with its great strong catchy chorus that is very uplifting in a track that has a hidden, underlying dark tinge of menace.

The strings once again weave their beautiful sound alongside the driving drum beat and a very good guitar solo, we are enjoying a very pleasant setting here before it changes as Elena's vocals suddenly take a more darker tone and grey clouds begin to form as we enter a more unearthly realm for a brief period, then the grey clouds are driven back by the power of the chorus.

A song once again full of different textures and packed full of emotion and drama that enthralls as you take this wonderful journey. This is another great piece of storytelling that instantly involves you throughout. A track that has almost everything from its wonderful female vocals, to its harmonious chorus with a great Celtic and pagan feel that is maintained as the guitars grind out their licks and the arrangements are majestic and full of pomp as the song keeps its old world and mysticism alive as it twists and turns casting its story over and around you, holding you like a magnet in its embrace.

Wonderful escapism into the world of ancient gods and heroes, the band are on top form as they weave their way through the number creating and painting a picture on a canvas. Again the style is of an ancient land with green hills and pastures that have hidden secrets to discover, the chorus is catchy and enlightening as the drums keep the track speeding along with very good arrangements interspersed throughout the number, a soaring track with a great feel and nice textures that are well arranged to tell it's story. Wondrous female vocals again tell the story clearly and are full of drama and emotion as the number takes hold and develops its picture of fair maidens and old villages but with a modern twist that has you believing that you are actually there in the story.

I'm sure this track would go down a storm when played live. Lots to find here with the perfectly balanced vocals keeping you entranced in the story and maintaining that Celtic folk edged style to the sound. The violin playing is very prominent and adds to the quality and texture of the song. Once again the arrangements are perfectly put together as the track twists and turns holding your attention as we reach the end of the journey with the sound of a slow cantering horse and a sad sounding violin.

This is truly a wonderful album that should please anyone who's into Female Fronted Metal, a great addition to the genre. Highly recommended. Kelley Provenance U. Hard driving rhythms layered with symphonic elements along with provocative, mystickal vocals make this cd a must have for any Pagan. The depth and roundness of sound makes it seem as if you are in a concert hall listening to them perform. Singers who rely on Autotune should listen to this to hear how it should be done.

What sets this band apart is the beautiful violin, audible in this song.

The double bass drum rhythms as the music picks up set up a good feel, and the vocals are well-crafted and harmonized exquisitely. The power this band has is unbelieveable. The interplay between the instruments and vocals was a treat for the ears. This song does give the feeling of running through the night.

It's a sign of good songwriting when you can sing or hum a melody after only hearing it once. The dynamics between the songs and within each song makes this one of the ultimate cds which should be in everyone's collection. One that you will want to listen to until you know every single note and word of every song. L'incantevole voce di Simon Papa addolcisce il tutto assieme all'esecuzione di Elisabetta Bosio.

Whispers of the Great Mother, che richiama il tema mitologico della Grande Madre, inizia con una struggente ed evocativa melodia acustica, che interseca diversi strumenti, seguita da una parte misteriosa ed oscura dai tratti folkeggianti. In questo pezzo sono inoltre evidenti le orchestrazioni ed anche le linee di basso intessute da Morgan De Virgilis. La stessa potenza espressa da An Unexpected Guest, con un possente riff di chitarra e uno scandito incedere di batteria che si frappongono fra il nuovo ed il vecchio metallo.

Il disco ed il viaggio si chiudono in maniera magistrale con Haerelneth's Journey, anche qui il folk la fa da padrone coadiuvato sempre da quel comparto metal accuratamente bilanciato. They are not symphonic in vocal style, but in the strong strings elements. The album has been mastered by prolific engineer Mika Jussila of Finnvox studios, whose previous clients include Tuomas Holopainen, Amberian Dawn and Finntroll. If I had not heard Satyricon I would think they had a totally modern sound. I find these elements of older styles make them stand out from other bands of the genre and is a strength.

Another strength is that their music is strongly driven by vocal melodies which makes then stand out. It is a very feminine record without being overly girly and soft. They are difficult to compare to other bands but a cross between Edenbridge and Lyriel springs immediately to mind. The band seem to mostly play in home country but I hope to be able to catch them live as soon as possible. They are a great band who will remain a feature of my playlist for some time. Rating: 4. Il risultato? Un disco perfetto. VOTO: 5 su 5 Ottimo. Voglio vedere chi non si scatenerebbe! Date retta a me: fatevi rapire da queste melodie e andate a goderveli dal vivo, ne vale ampiamente la pena!!

Attention Pagan Headbangers! And be sure to listen over at SoundCloud to sample a wide variety of songs that highlight their soulful sound. Be sure to catch them if you can, at Symphony Metalfest, Switzerland, as they are sure to light up the stage with their enduring charm and modern melting of ancient forest grooves and swirling melodies.

Not to mention the traditional instruments that cannot miss in a folk-tinged record. The strings, the percussion, the arrangement, everything is very well crafted. I love the fact that they never lose their rock edge. Listen to the ending of the song; the final arrangement will blow your mind. If you are a lover of folk and pagan metal, you cannot miss this release. The quality is very high and it is a pleasant listening. MaterDea, un nome ed una certezza nostrana! Accomunati dalla passione per la musica celtica e per i miti classici, hanno ad oggi creato due cd: Below the Mists, Above the Brambles e Satyricon Ad oggi collaborano con Keltoi Radio.

Quando la senti cantare, lei usa la voce della luna… Lui intreccia incantesimi sulle corde della sua chitarra. Emanano una fragranza intensa ed effimera al contempo, impalpabile, dalla consistenza di sogno tipica delle creature di confine, che non appartengono al mondo reale, ma che hanno perduto il loro. Perdendolo, sono piombate nel dolore.

La separazione fa male da morire.


  1. Search form;
  2. Jules Laforgue : Moralités Légendaires (French Edition).
  3. Song of Promise.
  4. All Hearts Inspired.
  5. Filomena Campus » Reviews/Recensioni (UK and Italy).
  6. Krönung der Liebe (Julia) (German Edition);
  7. Anzi: una Strega. Che dire ancora dei Materdea? Promossi a pieni voti! Alla stregua di un antico baccanale, Satyricon evoca danze sfrenate in una notte di luna piena, sulle note di strumenti tradizionali che si sposano alla perfezione con chitarre e moderni arrangiamenti: cori suadenti e melodie delicate animano la scena, ammaliando l'ascoltatore con tocco delicato e chiamandolo a far parte di una festosa celebrazione pagana.

    I cultori della svolta medievaleggiante di un tale Ritchie Blackmore avranno di che gioire, di fronte alla frizzante energia sprigionata da questo interessante lavoro. Tutta la potenza viene scatenata durante il breve ma bellissimo assolo. Arriviamo in fondo con Between The Temple's Wall, pezzo d'atmosfera che conclude in maniera adeguata l'ottimo disco.

    Mille sfaccettature Non per True Metallers This album has the feel of a full-fledged stage production. Some artists try for the rich sound that comes from combining rock music with other styles. Here, it is pure magic. Ancient melodies and powerful rock pulse are married flawlessly on Satyricon, and it makes for a mystical, interesting journey as you listen to the tracks here.

    The way the tracks are arranged it has that type of feel to it. It sounds like a cool fairy tale set to music. There is a palpable sense of drama about it all. There is a flow here that makes sense. Some music is great to have on in the background, be it to cheer you up, relax you or get you motivated. MaterDea has put forth something that should be attended to. It is the experience itself, rather than part of the experience. This was an unexpected treat. Il brano si apre con urla di guerrieri, e si svolge su ritmiche mai noiose, con un ottimo uso del basso e melodie accattivanti.

    Tocca alla titletrack aprire, letteralmente, le danze. Difficile infatti resistere alle melodie sfornate dal gruppo, ma prima che sia il ritmo a prendere il sopravvento tocca alla voce impostata di David Cherubim, sopra a un sottofondo ambient, introdurci nel mondo di "Satyricon".

    Si tratta di una ballad per certi versi semplice e delicata, ma non per questo meno bella o capace di coinvolgere. L'originale era ispirato all'affresco sulla facciata della chiesa di San Bernardino a Clusone, rappresentante una danza macabra, ma nella rielaborazione dei MaterDea diviene un pezzo allegro, foriero di speranza e di voglia di lottare per difendere la natura e il proprio lavoro dai "malandanti" del titolo.

    La natura, il nostro rapporto con essa, il rispetto che dovremmo riservargli e il suo essere come madre per tutti noi, fonte di vita e di speranza per il futuro, sono temi che ritornano un po' in tutte le canzoni, seppur coniugati in modi e con scopi leggermente diversi. Chi dovesse ritenere che una simile scelta sia riduttiva e, alla lunga, ridondante, probabilmente dovrebbe ascoltare brani come "Awareness" per rendersi conto di quanta poesia certi temi e, soprattutto dei musicisti ispirati, possano racchiudere.

    Un esperimento e un tributo che ci sentiamo di giudicare come perfettamente riuscito e, anche, molto evocativo e sentito. Mancano tre pezzi alla conclusione del disco e verrebbe quasi la tentazione di non parlarne. Per concludere il nuovo lavoro dei MaterDea si presenta come una graditissima e inaspettata sorpresa. Due musicisti dal retroterra artistico parecchio nutrito, che va dallo studio della musica popolare alle esibizioni jazz. Malmsteen ai tempi che furono e torniamo sempre ai modelli nordici. In bocca al lupo!

    I MaterDea sono qui proprio per questo. Una de esas obras que mejora con cada escucha, en la que siempre se encuentran matices nuevos. Una buena terapia para cuando nos asfixie demasiado el mundo real actual. Questo secondo full-lenght batte il primo. If you are a Pagan you will love this album! It is in my opinion the best and most talented Pagan album yet recorded. If you are not a Pagan but want an album full of "mind blowing" talent, inspiration, and a hard driving edge I certainly encourage you to check out this masterpiece of music. The production quality is amazing and within each song you will hear the love and passion that the members of MaterDea have for their music.

    You will hear a bit of a Celtic influence, the amazing vocal talent of Simon, perfectly beaten drums, violins, enchanting bass lines, ghostly keyboards, WOWING guitar riffs by Marco that deliver a hard rock and metal edge, and lyrics that lift up the spirit of the "Olde Religion. Truly you will want every song on the album for each are great, and the songs fade in and out from one to another. To listen to this album in order will take you on a mystical, mythical, and magickal journey into the musical talent of MaterDea. Anche solo i testi, se letti come fossero delle poesie, vi trasporteranno in altri regni.

    Non manca nessun elemento qui per creare un capolavoro. Sono riusciti a catturarli tutti e a fare in modo che tutto suoni naturale. Il brano mostra come la voce morbida di Simon riesce ancora a levarsi sulla musica possente che la supporta. Sono una loro grande fan anche solo per la lettura dei loro testi. Il loro giocare tra luci ed ombre fluisce insieme per creare un altro regno da visitare. Una canzone altamente energica e molto potente, decisamente una che ho riascoltato molte volte.

    Nella mente compaiono visioni di danze alla vigilia di Yule mentre ascoltiamo "Children Of The Gods". Ogni nota ed ogni beat sono posizionati con grande cura. Ne senti la potenza. Una canzone sognante e piena di trasporto che lentamente ti riporta nella dimensione del reale, lasciandoti con la voglia di averne ancora. Insieme, Marco and Simon hanno creato un capolavoro, chiamato "Satyricon". Loro sono i Picasso e Rembrandt del mondo della musica. Rating: 5 oltre 5 pentacoli. Heavy Worlds Year December Reviewer Michele Alluigi Provenance Italy Secondo capitolo discografico per i Materdea, impregnato di un folk pagan metal che nelle terre nostrane vanta oltre a loro numerosi altri validi alfieri.

    Ottimi gli interventi orchestrali che danno un'aria epica a tutto il brano. Si torna alle ballate simil-scozzesi con Broomoon, violino, chitarre e oscuri sottofondi di cori dirigono le danze. Importante in questo brano l'apporto della ritmica basso-batteria che, pur senza essere invadente, sorregge molto bene l'impianto sonoro. Non esattamente un'opera da inquadrare nel filone metal, ma sicuramente un lavoro molto interessante e ricercato per quanto riguarda l'aspetto filologico della musica.

    Oggi mi trovo a parlarvi di "Satyricon", il nuovo album contenente 10 brani e uscito per la "Midsummer's Eve". I riff della chitarra elettrica si alternano ai delicati arpeggi dell'acustica, che accompagnano la dolce voce di Simon Papa, spesso affiancata dalla voce di Elena Crolle. La traccia si attesta su un piacevole mid-tempo che improvvisamente accelera sul finale.

    Le strofe si srotolano dolci sul suono dell'acustica, affluendo su un refrain evocativo e trascinante. Incisivi i cambi di tempo nell'alternarsi di assoli tra gli archi di Elisabetta Bosio e la chitarra. Chiusura affidata al pianoforte. La forte vena folkeggiante dei MaterDea prende pieno corpo in "The Green Man", brano assolutamente accattivante e trascinante. Molto belli i cori che creano lo stacco dando il La al ritornello. Davvero ben strutturata, i MaterDea si dimostrano ottimi musicisti e capaci compositori. Sempre deliziose ed espressive le linee vocali di Simon.

    Traccia che mi richiama alla mente le movimentate danze attorno al fuoco, in cerchio sotto la luna, a ballare fino a cadere sfiniti. Non manca comunque la componente folk, grazie alle affascinanti orchestrazioni ordite dai MaterDea. Atmosfere solenni ed epiche impregnano "Children of the Gods". Una traccia potente, dal forte carisma e impatto sonoro.

    Ben riuscito anche il contrasto tra le decise linee vocali femminili e i bruschi cori maschili. Grande energia. Traccia molto evocativa e dalle atmosfere fortemente suggestive. Da segnalare un suggestivo dialogo che porta a conclusione la traccia. Ottimo lavoro, sognanti atmosfere, un rock potente e trascinante e storie fantastiche raccontate a suon di ottima musica.

    Non lasciatevelo scappare! La miscela di diversi strumenti come flauto, violino e chitarra, amalgamati ai suoni della natura e la voce di Simon Papa riesce a trasmettere un mix di emozioni ed una rilassatezza toccante. Seguindo um formato gothic simples com influencias de Hard Rock e Prog, eles deixam com que o fan fique alucinado. Uma excelente banda When researching the band I was struck with the quality of their website, one of the most attractive and informative I have ever come across, especially from an independent group.

    Added to that their video for 'Another Trip To Skye' on Female Voices Blog is more like a feature film than a band promo, so I was already more than impressed by the the time I sat down to listen to the CD. I wish more bands would put as much effort into their presentation, it makes a massive difference to people's perception of their professionalism. Their music lies somewhere between Horslips folk rock and Lyriel folk metal, creating Celtic songs that are magical, haunting and beautiful, but with injections of power and oomph.

    Added to that Marco isn't afraid to really let rip and Simon has a voice that veers away from the traditional folk style, it is no surprise that she has sung jazz, Latin, dance and pop in her professional career, with over 20 recording credits to her name. It was all lovingly and beautifully recorded in Marco's house in the woods. Vote: a magical 8. Faktum er at skiva avleirer en fordringsfull, spennende og spesiell stemning som er hva vi kan definere som ubetalelig!

    Anbefales til tusen! The CD is a wonderful blend of classical styled melodies mixed liberally with pulse-pounding rock rhythms that move the songs along. The two main members of the band, Simon Papa and Marco Strega, are joined by a small ensemble of other musicians who really add a depth to the music that the CD presents.

    A more careful examination of the songs will reveal that there is much more than just this to recommend this CD, however. Papa and Strega blend very disparate styles of music virtually seamlessly on this CD in just about every song. The full version presented early in the CD is a dense and captivating epic and getting to hear the stripped down version of it was a lesson in how different the same song can sound in differing arrangements.

    I look forward to hearing more from this group. Siamo dalle parti Candice Night, degli Amazing Blondel di antica memoria e sopratutto, qui la pregevolezza del progetto, ci troviamo di fronte al naturale prosieguo del lavoro cominciato molti e molti decenni fa da Paul Buckmaster e Paul Minns quando, alla guida dei Third Ear Band riempivano con le loro oscure storie, le volte, i merli, le torri e i cortili di austeri manieri con l'innocente ma ipnotica Fleance e del loro capolavoro MacBeth. Parole antiche e brezze d'Aprile sono il viaggio di An Elder Flut molto descrittiva e con un crescendo via via ammaliante.

    MaterDea, l'omonimo brano ha una costruzione molto esoterica, intima, misteriosa; un piano minimalista e leggeri contrappunti di violino danno al brano un fascino enigmatico; splendida. Chiude una rivisitazione della title track MaterDea acustic version che non fatichiamo a inserire come gioiello della musica internazionale se solo se l'avesse interpretato Enja o Moya Brennan o, meglio ancora, Karan Casey.

    Un piccolo gioiello. I testi delle loro canzoni, infatti, sono popolati da creature meravigliose, fate e fauni che ricordano la mitologia celtica. Uomini, donne e popoli vivevano in pace, a contatto con la natura, e non conoscevano la guerra. Siamo nel caso dei MaterDea, gruppo orgogliosamente italiano, che sforna questo pregevole "Below The Mists.

    Above The Brambles". La band nasce dal connubio tra la bravissima cantante Simon Papa ed il talentuoso chitarrista Marco Strega, una coppia che dimostra con questo disco di essere capace di creare un'alchimia musicale davvero efficace. Senza fare troppi e tortuosi giri di parole, possiamo serenamente affermare che "Below The Mists.

    Le canzoni di "Below The Mists. Above The Brambles" sono capaci di avvolgerti ed appassionarti e dimostrano a sua volta di essere in possesso di una forte componente coinvolgente. Poche parole, fate vostro questo disco bellissimo! When Simon Papa and Marco Strega made music in the fall of something magical happened.. Actually, a mystical retelling of the genre as it were.

    Metal Maniac Year Maggio - Reviewer Enrico De Paola Provenance Italy Debutto davvero da capogiro quello dei MaterDea, ensamble alla cui guida troviamo due artisti che, in prima battuta, ci sembravano quasi agli antipodi dal punto di vista stilistico. Accade l'imprevedibile. Altro che i deludenti Blackmore's Night degli ultimi tempi.

    Sorry we still under construction...

    Imagine a symphony of sounds that stirs the soul, and, you will begin to understand the power of MaterDea's release "Above the Mists, Below the Brambles". From the first track to the last, this CD lifts you up in spirit and song like none I have heard in many years! The haunting and lovely sounds of Simon Papa's voice, combined with Marco Strega's incredible guitar work, constantly raise your emotions from one song to the next. The arrangements, both vocal and music, are flawless. I loved the mixture of different instruments, nature sounds, and beautiful vocal scores.

    The emotion and the music intertwine to put the body in a relaxing state and washes over the listener. The way the artists represent the elements and nature in their music is intoxicating. This used with the music and the background singing strings together a full bodied mixture of relaxation and tranquility. I enjoyed how I felt at one with the songs and the nature being portrayed within the music.

    I enjoyed the guitar solos and the edgier sounds of both songs. Then the building power of the instruments is so dynamic and continues to pull the listener into the song. With every song on the album you are invited into the colorful world the group paints with the music. They sing of the Earth, Elements and Deities in a strong harmonious way that touches the heart of the listener.

    My only complaint was that in some parts of the album, the volume levels seemed to be a bit off-balance. For example, there were a couple parts where the vocals were much louder than the music and others where the vocals were much softer. But these minor issues were not enough to keep me from buying or recommending the album. For the most part, the album reminds me of a nature-based, soothing version of the pop band Evenessence. I was surprised because their music sounds like a pair of musicians that have played together for decades instead of just a couple of years.

    They convey a level of comfort with each other that few bands and musicians ever reach. For this to be their first album together is a grand thing. I cannot wait to see and hear how the band grows and changes together. I look forward to more music from MaterDea! I enjoyed the album so much that I when I did an internet search for information about them, I sent a friends request to them on MySpace to be able to keep up with news about their musical efforts.

    Simon Papa i Marco Strega, to trzon tej grupy. Mater Dea is an up and coming pagan musical group from Italy. They submitted this article and Dee from Pagan FM was kind enough to translate it for us. Mater Dea was born when two musicians, Simon Papa and Marco Strega, engaged in a remarkable collaboration. Coming from very different musical traditions, they nevertheless share a common passion for the dreamy, haunting and rarified ambience of Celtic music. The common denominator in this project, besides the musical ambiance, is the lyrics in which natural elements, marvellous creatures, and fantasy compete to draw the listener into a surreal dimension, which brings one into contact with the ancient cult of the Great Mother.

    In this, their first album, Simon and Marco collaborated closely. Each song was inspired by the sophisticated harmonies and arrangements that Marco created which permitted Simon to unleash her imagination, finally allowing her to unite it with a new creation. The two musicians were often together in Marcos' studio, in a beautiful little house in the country nestled among magnificent trees, to decide which was the best direction to take on a particular melody, and ended up recording the entire album there.

    The recording of this album took place from November until October of Each track was recorded after the finalization of the composition. One at a time, every one took on aspects of daily life, of the seasons with their colors and scents, and of the goings-on that occurred in the personal lives of the two musicians during this entire period.

    Perhaps because of this, the album manages to convey a particular feeling to the listener; the entire album embodies the experience of discovery as both musicians, together, began to discover little by little the magnificence of that which they were bringing forth from themselves. It was originally to be used as the soundtrack for a short film, but instead made it possible for Simon and Marco to decide that would be worth getting together to make an actual album. Subsequently the desire was born to contact John to invite him to add his virtuoso accordion skills in the recording, which he was most pleased to do and graciously agreed to the recording of Mater Dea.

    It was in this moment of great joy for Marco and Simon that they found the opportunity to establish a relationship of friendship and mutual respect with this personality who is a Celtic instrumental music icon. The lyrics tell the story of a leaf with silvery veins which comprise a map enabling a woman to find her lost love. It is a tireless journey, a dive into the world of fantasy and imagination in which one can find all the ingredients to be able to dream and fly high!